IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA IN VISITA AD AUGUSTA

AUGUSTA - In occasione della visita del Sig.
Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli, presso la base navale di Augusta, le OO.SS.
e le R.S.U.
hanno rappresentato lo stato di grande crisi che investe l’Arsenale Militare di Augusta che vede fortemente ridimenzionato il ruolo di stabilimento produttivo per l’efficienza e manutenzione della flotta navale che insiste in quest’area strategica per gli equilibri geopolitici nel mediterraneo.
All’incontro con le OO.SS.
e R.S.U.
erano presenti, oltre al Capo di Stato Maggiore M.M.
Valter Girardelli, Il comandante Logistico della M.M.
L’Ammiraglio di Squadra Raffaele Caruso, il Comandante di Marisicilia Augusta C.A.
Nicola De Felice e Il Direttore di Marinarsen Augusta C.A.
Giuseppe Sica.
Al Capo di Stato Maggiore, è stata consegnata a breve mani una lettera: “Gentile Ammiraglio, a distanza di quasi due anni dalla nuova organizzazione del Ministero della Difesa e della Marina Militare, le R.S.U.
e le OO.SS.
Territoriali, considerato lo scenario delle scelte economiche, normative ed organizzative ad oggi intraprese, sottolineano la drammaticità degli eventi che si stanno susseguendo e la loro ricaduta sulla Base Militare, sull’Arsenale, sulle Aziende dell’indotto e sull’intero territorio di Augusta.
Un territorio, quello di Augusta, già martoriato di per sé da una grave crisi economica e non più in grado di poter offrire nuovi sbocchi occupazionali, non ultimo, il provvedimento del Governo che ha decretato il trasferimento dell’Autorità Portuale da Augusta a Catania.
Le OO.SS.
hanno dimostrato di non avere pregiudizi e di non avere timore del cambiamento legato alla riorganizzazione della M.M., ma la responsabilità attribuita dal ruolo ad esse assegnate, legittima le preoccupazioni per le ricadute su un area la cui economia, oltre alla zona industriale, è retta prevalentemente dalla M.M., presente con i suoi estesi insediamenti, che ne ha condizionato lo sviluppo economico e sociale.
La Base Militare di Augusta, vista nello scacchiere Europeo, è quella più a Sud e ricopre una posizione strategica per quelli che sono gli scenari geopolitici attuali, ed appare quindi poco chiara ed incomprensibile la mancata valorizzazione della stessa e dell’Arsenale per la manutenzione e l’efficientamento delle Unità Navali che operano in scenari migratori apocalittici nel Mediterraneo.
 Emblematico, a tal proposito, il recentissimo annullamento e [...]

Leggi tutto l'articolo