IL CAVALIERE GOLOSO

        TITOLO: IL CAVALIERE GOLOSO   ETA': DAI TRE AI SEI ANNI PERSONAGGI: NARRATORE: Il Grillo Parlante (voce saggia) IL RE ROLANDO: (voce autoritaria) IL PAGLIACCIO FOLCO: (voce animatori e simpatica) LA PRINCIPESSA ANNA : (voce gentile) IL CAVALIERE OSVALDO: (voce snob) BAMBINI AIUTO ANIMATORE TESTO Entra in scena il narratore.
Cammina come se fosse lì per caso...
Narratore: (vede l’Aiuto Animatore) “Ciao.
Che cosa fai qui?” Aiuto Animatore: "Sono venuto alla festa di ………………….” Narratore: “E chi è …………………………” Aiuto Animatore: “E’ quel bambino lì.” Narratore: “Ciao.
(rivolgendosi a tutti) come mai siete seduti tutti lì per terra?” I Bambini risponderanno.
Narratore: “Ah ho capito volete che vi racconti una storia.
E che storia volete che vi racconti.” Aiuto Animatore: “Biancaneve ed i sette nani.” Narratore: “No! No! E’ troppo vecchia (qui se i bambini interagiscono si può allungare a volontà) Vediamo un po’ che personaggi ho qui con me.
C’è il Re Rolando.
Prego entrate Maestà! Prego venite, uff… sempre il solito, vuole essere chiamato altrimenti non esce!” Tutti: (l’aiuto animatore invita i bambini a ripetere tutti insieme) "Maestà! Maestà! Maestà!" Il Re: “Sì, sì eccomi.
Oh quanti bambini.
Buonasera (e fa un inchino.
Continuerà a fare inchini e dire Buonasera se non lo faranno anche i Bambini).” Bambini: (sempre suggeriti dall’aiuto animatore si alzeranno, faranno un inchino e diranno) “Buonasera Maestà!” Narratore: “Poi c’è la figlia, la Principessa Anna.” La Principessa : “Ciao Bambini, Oh come sono contenta!” Narratore: “Ecco che arriva il Pagliaccio Folco.” Pagliaccio: (compare alle spalle del narratore) “Buh! Eh Eh ti ho fregato anche stavolta.” Narratore: “ed infine ecco a voi il Cavaliere Osvaldo.” Il Cavaliere: “Ehm Buonasera, Scusate sono Osvaldo un po’ stanco perchè ho perso il cavallo.
Così venni a piedi...” Narratore: “Bene bene ora ci siamo tutti.
Ragazzi allora vi racconterò la storia del “Goloso alla corte della Tavola imbandita”.
Siete pronti? Ok partiamo!!!” Entra il Re.
Il Re: “Oh! Povero me! Oggi verrà un nobile cavaliere a chiedere di sposare mia Figlia.
Che guaio! Purtroppo non posso offrirgli nulla da mangiare.
Ieri quel birbone del Pagliaccio volendo farmi uno scherzo ha invitato tutto il popolo a pranzo.
Hanno mangiato tuttoquello che avevo.
Così non mi è rimasto nulla! Oh povero me proprio qui alla Corte della Tavola imbandita!, non so proprio [...]

Leggi tutto l'articolo