IL CERVELLO AD UN METRO DA TERRA

Mi chiedo come si possa essere tanto pirla!! La nuova generazione dei docenti è esattamente divisibile in tre categorie : -          quella dei missionari -          quella delle teste di granito -          quella dei pirla Alla prima categoria, per fortuna la più numerosa, appartengono i tanti insegnanti che si dannano ogni santissimo giorno per infilare nelle teste degli allievi quel mondo di conoscenze che loro amano, sostenuti da un entusiasmo indefesso, da una pazienza certosina e da uno spirito di sacrificio che non permette di badare al pugno di lenticchie con le quali vengono remunerati per ogni ora del loro lavoro.
( Si parla ad esempio di 50 € l’ora per i corsi di recupero, ma si tratta di lordo e con un numero di allievi non inferiore ai tre, pagati solo quando arrivano i fondi dal ministero).
Alla seconda, presente a macchia di leopardo, appartengono quelli che prendono l’insegnamento come un lavoro in fabbrica, ci si siede al posto giusto, si producono tortellini, si gettano via quelli che vengono male, si cerca la miglior produzione con il minor sforzo, si salta su quando suona la sirena e si lascia ogni problema da risolvere alla ditta produttrice.
Alla terza, la meno numerosa , ma la più evidenziata da ogni fruitore del servizio e non, appartengono coloro che, per chiare carenze intellettive, prendono il lavoro di docente come se fosse un riempimento nelle loro vite insulse, spargendo a piene mani la nebbia della loro incompetenza, del loro basso contenuto morale, della loro immaturità.
Purtroppo costoro che, pur se privi di ogni coscienza dell’opportuno dovrebbero essere educatori, “giocano” con gli immaturi a “fare a chi è più scemo”, riuscendoci egregiamente vista la loro natura.
Ed  è questo che appare come immagine della scuola, il prof.
Pirla che fuma, sigaretta o spinello poco importa, visto che la legge vieta a chiunque di fumare nei locali della scuola, e gli immaturi  lo filmano con allegria, e poi dicono che è un bravo prof.
Certo che per loro è un bravo prof.! E’ sulla loro stessa lunghezza d’onda, non sa educare, dovrebbe essere educato con loro! Chissà perché io non sono mai stata filmata mentre mimavo le strutture molecolari, eppure dovevo essere comica mentre “ballettavo” con le due braccia alzate abbassandone ritmicamente una sola delle due, per indicare la molecola con i gruppi dalla stessa parte o da parti opposte.
 Forse perché era chiaro come fosse un momento didattico e non una “pirlata” qualsiasi! Se ci fosse maggior [...]

Leggi tutto l'articolo