IL DIO DEI FOLLI(la beffa di Halloween)

La tua gola come questo pomo potessi stringerla come fo col mio bastone con questa mano guantata consumata e tesa d' odio attorno al tuo collo di cigno attrice dei miei incubi i miei occhi te lo dicono una volta e una volta ancora con la pelle che d'ira si scioglie: questa maschera,inflittami dal tuo sorriso vorrei non più fosse mia.
E' servita a farmi credere tu fossi prona così farti beffe dell'altrui volontà benche ti offrissi con la treccia a pescare seducente e arresa su piatto pronta dandomi questa maschera sei sfuggita sempre celando così gli atri oscuri del cuore.

Leggi tutto l'articolo