IL DUOMO DI MILANO di Teresa Ramaioli

IL DUOMO DI MILANO  di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 16/06/16 alle 18:39 via WEB DUOMO DI MILANO---Tra le statue più strane c’è quella a opera di Marco d’Agrate, raffigurante San Bartolomeo scorticato, con la pelle gettata sulle spalle come un mantello.
La statua si trovava all’esterno, ora si trova, entrando dalla porta laterale, sulla sinistra.
Tra le decorazioni esterne ci sono teste di esseri mostruosi, talvolta demoni.
Queste decorazioni venivano lasciate alla fantasia dei singoli scalpellini e sono tutte diverse tra loro.
Secondo una leggenda il demonio comparve in sogno a Gian Galeazzo Visconti, ordinandogli di edificare un tempio al diavolo.
Nel 1386, , il signore di Milano Gian Galeazzo Visconti decide di voler costruire una cattedrale a Milano.
Inizia a prendere accordi con l’arcivescovo Antonio da Saluzzo, si offre di regalare alla nascente Fabbrica del Duomo le sue cave di Candoglia, vicino a Verbania, da cui si estrae il marmo rosato che caratterizza il simbolo di Milano; seleziona gli architetti capo: Simone da Orsenigo prima e Nicola Bonaventura poi.
La leggenda racconta che pochi giorni prima che Visconti si buttasse nella costruzione del Duomo, Satana aveva fatto visita al signore di Milano, svegliandolo con rumore di zoccoli e odore di zolfo.
“Voglio portarmi la tua anima all’inferno.
A meno che tu non costruisca una chiesa piena di immagini del signore del male“.
Di qui la decisione di inserire le figure demoniache.
In realtà erano comuni nella tradizione del “bestiario” medievale; si raffiguravano mostri per spaventare le forze del male.
Le guglie sono 145, e sono state erette tra il XVIII secolo e il 1858 la più alta è stata costruita nel 1774 e ospita la celeberrima Madonnina che non è d’oro, ma ricoperta di fogli d’oro ed è alta 4 metri.
Se non soffrite di vertigini salite sopra il Duomo di Milano c’è un ascensore a disposizione, oppure, per i più atletici tanti, tanti scalini.
A voi la scelta! E’ bellissimo.
Ciao Teresa.Ramaioli

Leggi tutto l'articolo