IL DUOMO DI MILANO di Teresa Ramaioli

IL DUOMO DI MILANO  di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 23/09/15 alle 18:16 via WEB DUOMO DI MILANO-----Nel 1386 fu posta la prima pietra del Duomo di Milano, dedicato a Santa Maria Nascente, per decisione dell’arcivescovo Antonio Saluzzo.
Il Duomo è alto 108 metri e mezzo, lungo 158 e largo 96, con 150 doccioni, e 135 guglie.Gli artisti influenzati da testi sacri scolpirono dei doccioni bestiali e affascinanti.
Le caratteristiche degli animali immaginari furono reinterpretate in chiave cristiana.
Alcuni studiosi hanno teorizzato che le gargolle siano state utilizzate come guardiani delle chiese per tenere lontano i demoni.
Altri pensano che questi doccioni simboleggiassero demoni, da cui i passanti avrebbero trovato scampo in chiesa.
A volere la costruzione gotica fu il signore di Milano, Gian Galeazzo Visconti.
La cattedrale fu consacrata dall’arcivescovo Carlo Borromeo nel 1572.
Fino alla metà del XIX secolo, gli orologi di Milano erano regolati dalla meridiana del Duomo.
Un foro sul soffitto cattura un raggio di luce che cade sul pavimento: quando la luce segnava mezzogiorno si dava un segnale e la campana del Cordusio, vicino a Piazza Mercanti, suonava.
Nel Duomo c’è un quadro che raffigura la Vergine, detto della Madonna delle Rose.
Nel quadro non ci sono fiori raffigurati, il suo nome è legato a una leggenda.
Nel 1409 Milano era assediata dagli eredi di Bernabò, in lotta con Giovanni Maria Visconti, signore di Milano.
La gente, non avendo più armi per difendersi, decise di rubare tutto ciò che trovava nel cantiere del Duomo.
Una donna ogni giorno si recava davanti al quadro della Vergine, pregando per il figlio ferito e portava un mazzo di rose.
Un giorno trovò le rose ,di alcuni giorni prima, appassite, si mise a piangere, e le rose rifiorirono.
Ciao Teresa Ramaioli (Rispondi)   dinobarili il 25/09/15 alle 06:30 via WEB Ciao Teresa - il Duomo di Milano non finisce mai di stupire.
Dino (Rispondi)      

Leggi tutto l'articolo