IL MONDO E' SEMPRE PIU' INGARBUGLIATO

Scusate il lungo titolo ma volevo racchiudere i vari problemi – politici ma soprattutto umani – che il mondo sta vivendo, dal nord, dove la crisi Russia-Ucraina non trova ancora una soluzione, al sud dove le milizie dei tagliagola dell’ISIS stanno marciando a tutta velocità verso le mete che si sono prefissate e, per ora, le stanno conquistate una dopo l’altra come si può piluccare un grappolo d’uva.
Al tavolo delle trattative per la crisi in Ucraina, si sta sedendo – oltre ai diretti interessati – la signora Angela Merkel in rappresentanza dell’Europa; detto tra parentesi, l’Unione Europea ha una sua specifica incaricata per la politica – l’italiana Mogherini – ma non ha mai messo piede nella stanza dove si dibatte il problema; evidentemente la signora Merkel autentica dominatrice della fragile Europa, non ha nessuna fiducia nella giovane italiana e si siede personalmente al tavolo delle trattative: direi che è un bel ceffone inferto all’Italia e, in particolare al suo governo.
Per ora non si tratta di sistemazione definitiva della vicenda, ma al massimo le trattative stanno vertendo sulla possibilità di una tregua o di un cessate il fuoco; non dimentichiamo che lì’Ucraina è in Europa e quindi – in teoria – ogni attacco a quel Paese dovrebbe riguardare l’intera alleanza, ma questa è puramente “teoria”.
Di fatto, quello che sta conducendo il gioco è Putin che dall’alto della sua spregiudicatezza, cerca di “riconquistare l’Ucraina” e di ricongiungerla con la madre patria russa; non dimentichiamo che le tradizioni e la storia sta dalla sua parte: l’Ucraina è stata da sempre considerata “il granaio del popolo russo”.
L’altro partecipante alla trattativa è lì’abbronzato Obama, il quale non sembra affatto brillare per le idee che porta sul tavolo e neppure per l’audacia di qualche presa di posizione che mostri la forza del paese che rappresenta.
Certo che al momento Putin sta facendo il bello e cattivo tempo senza che nessuno dei contraenti abbia la forza di metterlo a tacere; anche perché non dobbiamo dimenticare che tutti i contraenti europei dipendono dal gas o dall’energia russa e questo, in un mondo assetato di energia ha la sua importanza.
Se spostiamo lì’occhio al Sud, vediamo che la situazione è altrettanto ingarbugliata, forse addirittura peggio che al Nord; la Libia è stata frantumata e l’ISIS, questo esercito che rappresenta l’Islam estremista, la sta conquistando città dopo città.
Ed a ogni conquista ci sono i video delle atrocità [...]

Leggi tutto l'articolo