IL NUOVO PATTO

10.
     Il Figlio, più che incredulo, è disfatto.
Ma il Padre agli eufemismi è poco aduso: “Del prete proprio tu scegliesti il tratto: chiedendo fede, lui muove i consensi e cura le magagne; lui vive di promesse e brucia incensi.
E non sei tu Parola? O non deluso restò chi dal gesù sperò cuccagne? Un credo nel futuro produsse il tuo lavoro; una fede, null’altro, per pilastro di chi spera e per prova a chi ne chiede.
Ma, prete santo, brilli come l’astro del giusto che sa gemere per gli empi”.
“Ma sì”, tornò a nitrire l’umana voce: “Diciassette esempi di patriarchi io so, che per la fede tremende pene seppero patire…” E il Vento: “Saprà pure se presero altrettante fregature?”      Non ci sta Javè, né ingoia: “Il redento che io vedo sa spogliarsi d’ogni gioia per gli orgasmi che dà il credo; né sei figlio e il nerbo eludi”.
Fa il Parà: “Dove sta il nuovo?” Li precede il Ladro: “Provo a scoprirlo io laggiù? Fa’ che i santi anch’io denudi, per sottrarli a Belzebù!”      “Il Nuovo Patto”, mormora il Vento, “è da chiarire ancora tutto…” “E sarà bravo colui che sappia recepirlo come nuovo”,      geme il Crocefisso.
Prova il Ladro a dar conforto: “Sei mica il prete falso, ingordo e beccamorto, che con l’acquasanta non deterge mezza macchia! Sei sacerdote”, gracchia, “sommo; che espiasti tutti i falli; e col tuo sangue!” Il Vento fischia: “Bello, il nuovo!” Il Figlio langue: “Dio assatanato del mio sangue?” E il Padre erutta lava contratta lungo il suo paziente esistenziale disimpegno di presule benigno: “Il nuovo! Il nuovo! Un giorno nuovo sarà quello che Dio si adori e non si tratti da zimbello”.
     “E mo basta!” aggiunge duro: “Sia la Fine.
E Fine seria: solo all’anima un futuro, condannata la materia; pochi giorni per l’imbarco dei sottratti a Satanasso; a te Spirito lo spasso d’allestire il mio landò.
Vai, ch’è l’ora!” “Ehi tu, nel parco, vieni, umano!” E giù planò.
  Abbiamo un sacerdote così grande che… espiò una volta per sempre, col proprio sangue… non come i sacerdoti che offrono continui sacrifici senza eliminare il peccato… Voi che accettaste con gioia di essere spogliati delle vostre sostanze… avete solo bisogno di costanza, perché… ancora un poco, poco appena e colui che ha da venire verrà a loro perdizione… e a salvezza dell’anima nostra… E’ la fede il fondamento della speranza e la prova dell’ignoto.
Per mezzo suo gli antichi ricevettero buona testimonianza (seguono i diciassette esempi biblici)…Per essere [...]

Leggi tutto l'articolo