IL PAESE PIU' IPOCRITA DEL MONDO

Qualche giorno fa, durante la conferenza stampa della nazionale di calcio, sollecitato sul punto, dalla domanda di qualche giornalista che, forse, lo aveva scambiato per Lord Brummell, Antonio Cassano ha affermato: "Froci in nazionale? Sono problemi loro ma spero di no.
Mi auguro che non ci siano, in Nazionale.
Ma sono questioni loro".
Affermazione assolutamente asettica, e assolutamente rispettosa delle inclinazioni sessuali altrui.
Ma Antonio Cassano, il cui ricordo dell'ultimo libro letto si perde nella notte dei tempi, viene crocifisso per una "indelicatezza terminologica": l'utilizzo del termine "froci" al posto del politically correct "gay".
Come se qualcuno dai capelli rossi si offendesse a sentirsi chiamare "pel di carota"...
Al punto che una nota del Codacons afferma "Tutti gli omosessuali che si sentono offesi e danneggiati dalle affermazioni di Cassano possono agire legalmente chiedendo al calciatore un risarcimento per il danno morale subito.
In tal senso il nostro ufficio legale si mette a disposizione dei singoli e delle associazioni gay di tutta Italia, allo scopo di intentare una azione collettiva nei confronti del giocatore".
A parte le obiezioni giuridico-processuali che potrebbero muoversi ai geniali addetti dell'ufficio legale codacons, si invita l'inutile carlo rienzi (la cui foto è lombrosianamente assolutamente significativa), presidente dell'ancor più inutile codacons a dedicarsi a ben altre battaglie...
come quella, per esempio, che vede la benzina costare circa 2 euro/litro (con il petrolio a circa 80$/barile), quando nel 2008 (con il petrolio a 150$/barile) costava circa 1,50€/litro.
O, per esempio, quella che vede banche ed istituti universitari esentati dal pagamento di quell'IMU cui, invece, sono sottoposti anche quegli anziani che nemmeno abitano nella propria casa per essere costretti a vivere in istituti di cura.
Adeguato e degno rappresentante del paese più ipocrita del mondo.
John May Lives.
 

Leggi tutto l'articolo