IL PASSATO

Film intenso che fotografa il disagio di tanti rapporti umani in cui soffrono tutti a causa di fragilità ed instabilità. BUONO Intenso, profondo ma troppo lungo.
Dibattito fuori bersaglio. BUONO Il film propone molti temi e non molte soluzioni: sulla vita solo vegetativa, sugli affetti, sul rapporto degli adolescenti con i nuovi rapporti dei genitori, sui sensi di colpa e sui “segreti” che le persone si portano dentro. BUONO Lento a tratti un poco esasperante nello sviluppo della trama; per altro molto interessante per come affronta temi complessi quali la difficoltà a comunicare e ad amare.
Molto bella la figura di Ahmad, ma il  personaggio più commovente è il ragazzino bisognoso di amore e di ritrovare un centro nella sua esistenza. BUONO  Ottima la regia e la recitazione; peccato per il finale “troppo francese”. OTTIMO  Davvero una scelta importante perché suscita la facoltà di pensare e regala equilibri tra i dialoghi o i silenzi di senso.
Grazie! MOLTO BUONO Genitori irresponsabili; purtroppo nei nostri giorni succede troppo spesso.
Tanti ragazzi, nella nostra epoca, a causa dei genitori finiscono male.
Troppe separazioni inconsapevoli dei traumi che causano ai figli. MOLTO BUONO Il regista iraniano, ancora una volta, mette in scena un approfondito studio sull’essere umano.
Racconta con realismo (mai estremo) cosa può accadere dietro le mura domestiche o in comuni contesti sociali.
Ne riscopriamo la capacità di descrivere l’animo umano con gli inevitabili segreti e bugie.
A tratti si fa fatica a seguire il film, non per la mancanza di qualità, bensì per i rimandi ad esistenze reali con le quali talvolta è difficile non empatizzare.
Un film che volutamente non commuove ma stimola riflessioni profonde.
Forse un po’ troppo lungo. MOLTO BUONO  

Leggi tutto l'articolo