IL PIACERE DI CORRERE A RAGGIOLO

Di seguito la versione integrale dell'articolo  pubblicato su comunicaresenzafrontiere.it
Sono ormai circa venticinque anni che ogni estate con la mia famiglia passiamo un periodo di vacanza a Raggiolo dove mio suocero, il pittore/regista Osvaldo Petricciuolo,  comprò e ristrutturò un casolare di campagna dando vita alla casa d’arte museum petricciuolana in cui sono conservate molte delle sue opere d’arte.
Situato nel Casentino Toscano, a cinquanta chilometri d’Arezzo in direzione Firenze, Raggiolo sorge sulle pendici del Pratomagno, “una dorsale montuosa che si innalza tra il Valdarno superiore e il Casentino a nord-ovest della città di Arezzo”. Posto a 750 metri sul livello del mare, è lambito ai fianchi da due fiumi, il Barbozzaia e il Teggina, le cui limpide acque si incontrano a valle in località Il Mulino per proseguire insieme il loro corso fino a Bibbiena per poi tuffarsi nell’Arno arricchendone l’alveo.
Da quando con regolarità iniziammo a venire in vacanze a Raggiolo, nutre...

Leggi tutto l'articolo