IL PUNTO DI VISTA DEL LUPO

Se si vogliono capire molte cose, bisogna essere capaci di cambiare punto di vista.
Se un uomo vuole capire le donne non deve tanto pensare a portarsele a letto, quanto a chiedersi: “Come la penserei, se fossi una donna?” Ovviamente, l’uomo rozzo ride a questa idea.
Per lui l’ipotesi è perfino offensiva.
Quasi l’avessero invitato a chiedersi: “Come la penserei, se fossi un cretino?” E non sa che nel suo caso la cosa gli riuscirebbe facilmente.
Lo sforzo di mettersi nei panni degli altri è una chiave preziosa, per comprenderli.
Ed anche per capire fino a che punto bisogna spingere l’identificazione.
Hannah Arendt, politologa ebrea, seguì in Israele il processo a Adolf Eichmann, e non cercò soltanto di condannare l’orrore della Shoah, ma anche di capire l’atteggiamento soggettivo dei colpevoli.
E nel libro “La banalità del male” spiegò che gli uomini sono capaci dei peggiori delitti quando li commettono insieme con molti altri.
Fino a farne una routine.
Fino a considerarli “normali”.
E d...

Leggi tutto l'articolo