IL RE E' SOLO

Dal lato umano mi fa tenerezza.
So che è un controsenso per chi, come me, lo detesta e nemmeno tanto cordialmente, ma vedo questo ometto basso, con capelli finti (mi ricordano il caschetto che faceva da capelli ai personaggi della Playmobil.
Chissà se anche lui ha il buco in testa per infilarlo), anziano e che continua a parlare come se avesse bisogno di convincere più sè stesso che chi lo ascolta.
Circondato da adulatori, veline, collaboratori.
E con uno stuolo di italiani che, al di là di ogni razionalità continuano a credere ciecamente in lui.
Eppure, eppure, io ogni volta che lo vedo nei suoi gessati vedo un uomo che combatte contro il tempo e la logica per restare attaccato ad una verità che ormai sembra sempre di più solo sua.
E con uno stuolo di persone, quelle di prima,che si radunano nelle piazze per sentirsi forti e al sicuro, ma che, come i carbonari di un tempo, sai che ci sono senza vederli mai in giro.
Il Re è solo, ma non perchè deve difendere leggi ed aziende create da lui, bensì perchè forse, ma solo forse, le convinzioni e la fiducia che hanno sempre costituito le fondamenta del suo credo stanno cominciando a scricchilare un pò.
Quindi, in attesa di una ventata chiarificatrice che possa disottenebrare tante menti, auguriamoci almeno che un uomo possa ritrovare serenità, dignità e ragione di esistere.

Leggi tutto l'articolo