IL SALTATORE DI MURI Intervento di Adriano Sofri in memoria di Alexander Langer.

UNA CITTÀ n.
43 / Settembre 1995Articolo di Adriano SofriIL SALTATORE DI MURIIntervento di Adriano Sofri in memoria di Alexander Langer.In me mo ria di Ale xan der Lan ger.Di tut ti i viag gi co mu ni il più biz zar ro fu un viag gio in Li bia, quin di ci an ni fa, cui par te ci pò an che un grup po di pa ci fi sti eu ro pei e di Ver di del nord Eu ro pa.
Alex mi ave va in vi ta to, ol tre tut to, per ché ne scri ves si al ri tor no: una spe cie di mi su­ra cau te la re.
Co nob bi al lo ra, di al cu ni di quei Ver di set ten trio na li, la sen si bi li tà al con flit to Nord-Sud (che in Alex sa reb be sta ta sem pre vi vis si ma), e an che una ten ta zio ne in ge nua di tro va re pre gi an tim pe ria li sti in re gi mi na zio na li sti ci, di spo­ti ci e an ti se mi ti.
Ne co nob bi il me to di co at tac ca men to al la con sul ta zio ne e al la de ci sio ne de mo cra ti ca, e an che una ri lut tan za all’iro nia e una spe cie di Ma nia del Re go la men to.
In con tram mo Ghed da fi.
Spie gò se ra fi ca men te che il suo li­bret to ver de era un’an ti ci pa zio ne del ver de eco lo gi sta.
Uno sca ra fag gio cam mi­nò ver so di lui, dal la sab bia sul tap pe to nel la ten da in cui ci ri ce ve va, fin ché con un mo vi men to im prov vi so il co lon nel lo lo af fer rò tra le di ta di un pie de, e lo ri but tò nel la sab bia.
Fu il so lo pun to eco lo gi co di un in con tro al lar man te, seb be­ne ad al cu ni dei no stri com pa gni di viag gio non sem bras se im me dia ta men te co­sì.
Ero un po’ scon cer ta to, ben ché sa pes si che la Ma nia del Re go la men to è an­che la chia ve del la gran dez za di don Chi sciot te.
Ale xan der sta va scru po lo sa­men te al le re go le, pur di in for ma re e per sua de re i suoi com pa gni di ciò che gli sem bra va giu sto; e a me spie ga va al tret tan to pa zien te men te que gli usi di di­scus sio ne in fi ni ta, co me si in se gna no a un prin ci pian te i ru di men ti di una lin gua stra nie ra.
Ha fat to sem pre co sì, con la sua in tel li gen za di mi no ran za.Alex era fi glio di un pa dre me di co, ebreo vien ne se non pra ti can te, e di una ma­dre ri go ro sa men te lai ca, e di ven tò lui stes so, da ra gaz zo, "una spe cie di cat to li­co au to di dat ta".
Stu diò dai fran ce sca ni a Bol za no, poi giu ri spru den za a Fi ren ze, do ve co nob be don Mi la ni e la sua scuo la di esi lia ti, poi so cio lo gia a Bonn e a Tren to.
Do po una mi li tan za lo ca le nell’at ti vi smo cat to li co, e poi nel la "si ni stra in for ma le", Alex [...]

Leggi tutto l'articolo