IL TRAVAGLIO PERPETUO .

Il travaglio perpetuo.
Fu già nel grembo materno
che gridai forte il canto mio ,
cercai i miei ripari in versi di poesia ;
fermai il destino narrando la parola .
E' un travaglio perpetuo questa vita
e scrissi di te ,di terre e mari
di un Dio che vive tra di noi ;
di spazi vuoti da riempire
e malinconie che solo tu potrai perire.
Toccai con mano la realtà del fato !
Il confine vivente di un mondo stellare ,
vissi lo spirito e fui combattivo;
fu l’arma migliore per chi ha una mente pura .
Fu nell’età dell’oro che assaporai la carne nuda!
Toccai il sangue del proibito
e con mano il fiore del peccato ,
di una femmina ne fui innamorato;
si rese sterile all’evidenza d’un concreto.
Toccai il suo cuore amaro …
le sue labbra erano appese a un filo,
espiavo così i suoi silenziosi odori ;
rendeva povero l’evento che accadeva.
Più volte gli alati scempi mi misero alla prova ,
più volte rincorsi la brezza del brivido gelo:
mi tenevi appeso tra l’allegoria e il profano;
sulle membra,  la fredda del...

Leggi tutto l'articolo