IMU prima casa Restituzione? Sarebbe un altro regalo ai più ricchi

La proposta avanzata da Silvio Berlusconi di abolire l’IMU sulla prima casa a decorrere dall’anno in corso restituendo ai contribuenti quanto versato nel 2012 è stata assai criticata soprattutto dal punto di vista della fattibilità (la copertura finanziaria appare a molti analisti assai discutibile), in relazione alla difficile condizione della finanza pubblica italiana.Un aspetto meno evidenziato – ma estremamente importante ai fini della valutazione della proposta – sono gli effetti dal punto di vista redistributivo.Allegato: NENS - Restituzione IMU prima casa.pdfL’imposta municipale propria (IMU), introdotta in sostituzione dell’ICI dal decreto legislativo sul “federalismo municipale” approvato a marzo 2011 dal Governo Berlusconi (D.Lgs.
23/2011) e modificata dall’art.
13 cd.
Decreto “Salva Italia” (D.L.
201/2011), prevede un aliquota base sulle abitazioni principali pari al 4 per mille (con la possibilità per i Comuni di aumentarla o ridurla fino al 2 per mille), una detrazione pari a 200 euro (maggiorata per gli anni 2012 e 2013 di 50 euro per ogni figlio convivente di età non superiore a 26 anni).
Il D.L.
201/2011 ha inoltre aumentato del 60 per cento il coefficiente di calcolo della base imponibile dell’IMU sulle abitazioni principali.
Un recente studio presentato a fine novembre 2012 dall’Agenzia del Territorio (“Gli immobili in Italia 2012”) analizza, nel capitolo 6, gli effetti distributivi dei versamenti dell’IMU.Nel 2012 l’IMU abitazione principale ha prodotto un gettito pari a 4 miliardi € (calcolati ad aliquote effettive), un ammontare superiore ai 3,3 miliardi € stimati dall’Agenzia ad aliquota base a causa della decisione di molti comuni di ritoccare all’insù l’aliquota.
I dati dell’Agenzia confermano la forte concentrazione del gettito dell’imposta, strettamente correlata a quella dei valori catastali delle abitazioni principali e alla progressività dell’Imu sulla prima casa: IMU abitazione principaleDecili di rendita catastale% GettitoStima gettito ad aliquote effettive (milioni €)I2,38%95II2,70%108III4,17%167IV5,43%217V6,93%277VI8,62%345VII10,96%438VIII14,16%566IX18,57%743X26,08%1.043TOTALE100,00%4.000Secondo l’analisi dell’Agenzia il 10% dei contribuenti più “ricchi” in termini di rendita catastale (ovvero i contribuenti del X decile: coloro che possiedono immobili caratterizzati dalla rendita catastale più elevata) ha versato il 26,08% del totale (pari a 1,043 miliardi € ad aliquote effettive) e i contribuenti del IX il 18,57% [...]

Leggi tutto l'articolo