IN MEMORIA DI GABRIELE MARZOCCO

Marzocco: un uomo dall'animo nobile                                         Il mondo meridionalista ricorda con profondo affetto un grande giornalista che ieri ci ha lasciato: GABRIELE MARZOCCO.
Sono tanti i periodici che sono nati e hanno potuto divulgare la Storia negata del Sud grazie al Suo appoggio.
Ciao Gabriele sarai sempre nei nostri cuori.
http://www.nazionenapulitana.org/ La redazione de IL CARLINO lo vuole ricordare il giorno in cui, a Bitonto, gli fu consegnato il Premio L'alfiere del Sud Saluti Francesco Laricchia                             Nazione mediterranea Di Gabriele Marzocco Come se non fossero bastati i lunghi anni in cui la nostra vita è stata decisa e determinata dalle scelte fatte a Torino, poi a Firenze, quindi a Roma, ma in realtà sempre in quella che Nicola Zitara chiama efficacemente paludania, non riusciranno mai a convincerci che è giusto, necessario e conveniente che i nostri destini, i destini della nostra Nazione Napoletana, devono essere decisi nelle brumose terre nordiche dove hanno sede gli organismi dell’Unione Europea: Bruxelles, Strasburgo, Francoforte.
La bocciatura della Costituzione europea da parte dei francesi e degli olandesi, come l’impoverimento di tutti noi a causa della stolta introduzione dell’euro, stanno a dimostrare che i popoli europei non sono per niente entusiasti del modo come vorrebbero imporci un’Unione europea a tutto vantaggio dei ceti parassitari dell’alta finanza e della politica politicante.
Se avessimo una classe politica cosciente degli interessi e del ruolo che uno Stato delle Due Sicilie (pienamente autonomo o federato con altri Stati della penisola italiana) può svolgere nel Mediterraneo, non staremmo ad elemosinare interventi dal governo centrale, ma imporremmo le nostre scelte e la tutela dei nostri interessi.
E dopo 144 anni di sciagurata “unità d’Italia” non è più una bestemmia parlare di autonomia delle Due Sicilie, se si considera che la penisola iberica, la penisola scandinava e quella balcanica sono tutte frazionate in diversi Stati, senza che sia arrivata la fine del mondo.
I “governatori” delle Regioni del Sud dicono di voler sviluppare una politica estera comune sul Mediterraneo, di voler chiedere più consistenti “fondi europei” per investire in linee ferroviarie più veloci, nella portualità, nelle autostrade del mare nei collegamenti aerei, per creare rotte dirette dal Sud verso gli undici Paesi del bacino del Mediterraneo.
Lo stesso presidente Carlo Azeglio Ciampi ha chiesto [...]

Leggi tutto l'articolo