INCERTEZZE (by Ja'swa)

(PREAMBOLO: succede a volte di conoscere persone..
succede tutti i giorni..
forse ne conosciamo fin troppe..
troppe..
poche rimangono a tenerci le mani..
ecco..
voglio pubblicare alcune poesie o viaggi mentali di un mio amico...
chissà chi influenza l'altro..
il blog sta diventando un modo di pubblicare i propi scritti in maniera economica...
Ora gustatevi le sue parole di velluto nero...
Buon viaggio.
-Francio-) Credo di essermi Perduto tra i meandri di una chioma d’acacia Credo di essermi sempre chiesto il numero esatto Di parole sufficienti Ad esprimere la sensazione di pazzia Credo di essermi Sbagliato nel calcolo almeno due volte Così come Credo di essermi Fatto del male e del bene Due volte in un solo istante Credo di essermi frainteso poiché sbattendo il viso su questa porta Ho visto più e più volte un sorriso Credo di essermi Visto con la pelle nera e La testa esplosa tra i tasti di un pianoforte A coda e Credo di essermi Tagliato i capelli senza per altro sentire alcun rumore Credo ancora di essermi ritrovato qui per caso ma non ammetto la mancanza di uno scopo Inoltre credo di essermi Innamorato di un’arte Che voi chiamate vivere Ma non ne sentite mai parlare Credo di essermi sporcato tutto di vento gelido Quando l’unico refrigerio qui è una riga bianca di equatore Credo di essermi Chiamato e cercato a lungo Nel buio di un pensiero persistente Credo di essermi Intravisto dietro una colonna di vetro e di cobalto Mentre il mare annoiato di sé stesso Si riversava nei sogni di un bambino Credo di essermi Voltato le spalle per pura mancanza di informazione Credo di essermi Ucciso un giorno al solo contatto Di labbra avvelenate Credo infine di essermi Esposto a grossi rischi al solo scopo di scoprire la vera natura delle mie sensazioni mentre mi muovevo al ritmo instabile di deboli allucinanti percezioni sonore Credo di essermi sentito proprio bene in fondo Credo di essermi volatilizzato in uno sguardo Credo di essermi frastagliato in mille cocci di grigio vetro riciclato E di aver volato piano dove volano le parole Credo di essermi sentito felice e credo ora di essermi trovato… …e addormentato -Ja'swa-

Leggi tutto l'articolo