INDIPENDENZA DALLA DITTATURA

  L'Indipendenza da questa dittatura non facile da ottenere e non è facile da ottenere completamente.
Ma lasciatemi sognare: se non si ha un traguardo e non si ha una strategia per raggiungerla, rimaniamo sempre succubi dei più furbi.
Lasciare le cose al caso non aiuterà, anche perchè c'è chi il traguardo se l'è già posto (la nostra schiavitù), e la strategia per arrivarci pure: la subiamo ogni giorno credendo sia ineluttabile.
E sempre più dobbiamo subire violenza economica, culturale, religiosa, culturale.
Sempre meno ci sentiamo liberi di fare ciò che ci piacerebbe fare, ogni giorni diventiamo meno felici.  Forse a te che stai leggendo non capita, ma io sto trovando libertà solo nei sogni, come un carcerato nel ramo della morte: sa che non ha speranze, e che può esser libero solo con la fantasia.
E quando la fantasia è più sfrenata? Nel sogno, e così i condannati a morte sognano, quando hanno la fortuna di farlo; sognano di esser liberi.
E così, lasciatemi quest'ultima possibilità: il sogno.
Che però ha una piccola particolarità: se iniziamo a sognarlo tutti, può diventare realtà.
Già, perchè siamo una società, e se puntiamo tutti i piedi, possiamo ottenere molto.
Ma la società è fatta di individui, e ognuno ha la caratteristica di farsi prima i fatti suoi, poi i fatti della famiglia, e per quanto riguarda la società, se può di sfruttare gli altri, lo fa: il benessere comune non è sentito molto.
Fino a che non compare il nemico esterno, un rischio travolgente che può stritolare la società e noi con lei; e lì finalmente ci sentiamo uniti.
Dimenticavo: anche la domenica siamo uniti - allo stadio - o quando i giornali inventano uno scandalo, una cosa deprecabile da eliminare, come Corona da mettere in galera, Geddafi da bombardare, i confini da difendere da Ebola, i poveri emigrati da accogliere a casa nostra.
Per poi scoprire che eravamo manipolati, e che Corona era un furbetto come tanti altri, che la Libia di Geddafi era un paradiso, che Ebola è la solita gabola (fà rima, Ebola-Gabola hahhaa).
Questa voglia di sentirci uniti per distruggere il nemico, ma poi e poi continuare a farci i cazzi nostri fregando il vicino di casa.
Ma così è il popolo, è raro quello che agisce perchè sente sia giusto fare cose che magari vanno contro il suo interesse, ma che sono giuste, etiche, sagge.
Questo articoletto è quindi rivolto a quelli che hanno un pò di cervello in più, cervello inteso come intelligenza atta a cogliere ciò che veramente potrebbe darti qualcosa di utile, nel tempo, o che [...]

Leggi tutto l'articolo