INSULINA ED ACQUA DI MARE...

DEDICATO AI PAPA' ITALIANI CHE CURANO LE PROPRIE FIGLIE E CHE NON ACCOLGONO DI BUON GRADO I PAPA' UN PO' PIU' SFORTUNATI  A 10 anni, malata di diabete, si era imbarcata con il padre e le sorelle su un barcone diretto verso le coste italiane.
Erano 320, pressati come sardine.
Gli organizzatori del viaggio hanno pensato di fare posto buttando in mare alla rinfusa un pò di bagagli, compreso lo zainetto in cui c'erano le fiale di insulina che sarebbero servite alla bimba durante la traversata.
Senza il farmaco la piccola è entrata in coma diabetico e non c'è stato nulla da fare.
ll padre, un siriano di 48 anni, davanti al corpo senza vita della figlia, ha chiamato al telefono l'Imam affinché le porgesse l'estremo saluto recitando una preghiera.
Poi ha dovuto abbandonare il cadavere in mare, trasportato dalle correnti del canale di Sicilia, mentre la barca continuava la sua rotta verso la costa siracusana.
Approdato in Sicilia da qualche giorno, l'uomo oggi è scoppiato in lacrime e ha raccontato tutto; ha spiegato di essersi opposto per riavere dagli scafisti egiziani quello zainetto che era stato strappato dalle mani della bimba; ma inutilmente.
Ha sperato che il viaggio in mare durasse poco, ma la figlia non ha resistito.
Il padre raccontando la storia vissuta in mare da lui e dall'intera famiglia non riusciva a trattenere le lacrime.
Il genitore, in fuga dalla guerra, ha una laurea in Economia.
Di tutto quello che aveva con sé è riuscito a conservare il passaporto, sperando che gli sia utile per potere raggiungere la Germania, dove desidera andare, sempre che gli sia ancora rimasto qualche desiderio dopo quanto è accaduto sotto i suoi occhi.
Il barcone in cui erano stipate le 320 persone era partito dall'Egitto, dove i migranti in attesa di imbarcarsi hanno aspettato per sette giorni che arrivasse il loro turno.
Nel Canale di Sicilia la carretta è stata avvistata da un mercantile, ma quando era già troppo tardi per soccorrere la bimba, già morta e abbandonata nelle acque del Mediterraneo.

Leggi tutto l'articolo