IS vieta il parto cesareo alle donne.

L'IS vieta il parto cesareo perchè importato dall'occidente Foto Adnkronos Nei territori occupati dall'IS è stato vietato ai medici di praticare alle partorienti il parto cesareo in quanto è stato ritenuto una pratica medica importata dall'occidente.
 I medici che violeranno tale norma saranno severamente puniti.  Creata la regola, creato l'inganno perchè, ove tale procedura sia resa necessaria, la paziente dovrà pagare 15 mila lire siriani (pari a circa due mensilità di uno stipendio medio).
In sostanza, nel 2015 le donne che non potranno permettersi di spendere questa tassa della vergogna rischiano di morire di parto.
Sembra che sia crescente l'opposizione dei religiosi islamici agli sviluppi in campo ginecologico e, in particolare, all'assistenza che può essere fornita a una partoriente per alleviare i dolori del travaglio e del parto.
Secondo l'Is, l'aumento dei parti cesarei in Medioriente è visto come parte di un complotto occidentale contro le madri musulmane.
Questa è la società che offre l'IS.
Una società chiusa al progresso in cui si può morire per una mera ideologia propagandistica.
Una società in cui i diritti basilari (compreso il diritto alle cure mediche) si fonda sulla discriminazione di genere.
Fonte Adnkronos

Leggi tutto l'articolo