Ignoti, la scorsa notte, sarebbero penetrati nel bar ...

Edizione Padova Giovedi' 4 Dicembre 2008 Ignoti, la scorsa notte, sarebbero penetrati nel bar ...
Ignoti, la scorsa notte, sarebbero penetrati nel bar dell'aeroporto Allegri.
La polizia infatti ha effettuato un sopralluogo intorno alle 7 di ieri mattina, dopo essere stata avvisata dal gestore del locale.
Titolare del bar che però non ha saputo quantificare l'eventuale danno subito.
Un probabile furto che si va a inserire nel contenzioso civile tra il barista e la direzione dello scalo cittadino.
Il consigliere regionale di An, Raffaele Zanon, è intervenuto comunque per denunciare gli svariati furti che sono avvenuti all'Aeroporto Allegri.
«L'allarme furti ed inclusioni continua a persistere nello scalo Allegri, nonostante le numerose denunce e segnalazioni fatte in passato anche dal sottoscritto.
E' necessario risolvere la situazione e rendere trasparente l'operato della società Aeroportuale».
Zanon, infatti, ha presentato una interrogazione urgente, denunciando il perdurare di gravi negligenze nella gestione della società aeroportuale di Padova, chiedendo contemporaneamente l'audizione immediata in Commissione Trasporti regionali del Presidente della società Aeroporto e dei rappresentati di Comune e Provincia che siedono nel consiglio d'amministrazione.
«L'atto ispettivo - ha proseguito il consigliere regionale - riguarda l'efficienza dei sistemi di vigilanza e di sicurezza nello scalo Allegri e dà voce alle lamentele dei soci di minoranza della società aeroportuale patavina, che accusano gravi negligenze del Consiglio di amministrazione.
Chiedo anche una immediata audizione in II Commissione Trasporti dei responsabili dello scalo per i risvolti e le competenze in materia di trasporti, in particolare con il socio di maggioranza dell'aeroporto che risulta essere Save».
L'esponente di An fa riferimento ad un sopralluogo effettuato nel recente passato dagli agenti della questura nell'area aeroportuale, che ha messo in risalto problemi legati alla sicurezza degli accessi e la necessità di un servizio di vigilanza privata , vista l'assenza di un ricovero notturno per tutti i velivoli all'interno degli hangar.
«Già in tempi non sospetti - ha terminato Zanon - ho denunciato l'inspiegabile inoperosità dell'impianto Ils (instrumental landing system ) per la sicurezza operativa del volo, che è stato collaudato da anni ma non risulta ancora in funzione, nonostante gli ingenti costi sostenuti».

Leggi tutto l'articolo