Il 20/2 decisione su accuse a Netanyahu

(ANSAmed) – TEL AVIV, 11 GEN – Potrebbe essere il 20 febbraio la data in cui l’Avvocato di stato deciderà se incriminare o meno il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu nelle inchieste che lo riguardano e per le quali la polizia ha già suggerito la procedura di imputazione.
Lo riferisce il quotidiano Maariv che cita una fonte dell’Avvocatura secondo cui la data potrebbe anche cambiare ma l’intenzione è quella di completare il tutto entro quel giorno.
Le inchieste per cui la polizia ha suggerito l’incriminazione per sospetta corruzione sono il Caso 1000 (regali in cambio di favori), Caso 2000 (rapporti tra il premier e l’editore del giornale Yediot Ahronot Arnon Mozes) e Caso 4000 (l’affare Bezeq-Walla).
Netanyahu ha sempre respinto ogni addebito ed ha chiesto un confronto tv con i suoi accusatori.
Il 21 febbraio – ha sottolineato Maariv – scadono i termini per la presentazione alla Knesset delle liste elettorali per le elezioni politiche anticipate indette il 9 aprile.