Il Cervello Cardiaco

Il cuore serve solo a far muovere il sangue all'interno del nostro corpo o svolge funzioni ancora poco capite? La risposta viene da nuovi studi in cui e' stata analizzata la sua attivita' nel dettaglio, sia a livello fisiologico che nervoso: il cuore svolgerebbe molte piu' funzioni di quante precedentemente creduto!  Molti rinomati scienziati e ricercatori insieme a neuro-cardiologi di spicco credono che il cuore contenga un proprio vero e proprio sistema nervoso molto simile ad un piccolo cervello grazie al quale dialoga costantemente con il cervello.
Il cervello ed il cuore si influenzano a vicenda e, anche se poco risaputo, il cuore manda molte più informazioni al cervello di quante ne riceva dal cervello stesso.
Queste informazioni comprendono segnali in grado di influenzare la percezione, le esperienze emotive e le funzioni cognitive di una persona.
Il Dr J.Andrew Armour introdusse il concetto di Cervello Cardiaco (Heart Bain) nel 1991, dimostrando come l'insieme intrinseco del sistema nervoso del cuore potesse essere qualificato come un vero e proprio piccolo cervello.
Nel libro "Sicence of the Heart" viene spiegato che si tratta di un "intricato network con molti tipi diversi di neuroni, neurotrasmettitori, proteine e cellule di supporto molto simile a quelli trovati nel cervello contenuto nel cranio.
La complessità di tali circuiti permetterebbe di agire indipendentemente dal cervello "cranico" per azioni come imparare, ricordare e avere sensazioni".
Una delle scoperte più importanti che HeartMath ha effettuato riguardo al cervello cardiaco, anche chiamato Intelligent Heart (cervello intelligente), è che "alterando intenzionalmente lo stato emotivo di una persona attraverso l'attività Heart-Focus si modificano gli input neurologici che dal cuore raggiungono il cervello.
Le persone che sinceramente vivono stati emotivi positivi, sincronizzano il ritmo cardiaco coerentemente con il proprio stato emotivo, causando un diretto cambiamento della funzionalità e performance cerebrale.
Tutto ciò spiegherebbe il motivo alla base dei cambiamenti in percezione, chiarezza mentale e coscienza intuitiva che molte persone riportano utilizzando le tecniche HeartMath".
© 2011-12 Tutte le affermazioni contenute in questo Blog derivano da fonti ritenute attendibili dal Dr Enrico Pandiani e da interpretazioni personali delle stesse.
È consigliabile sempre consultare il personale sanitario di fiducia prima di utilizzare i consigli contenuti all'interno del Blog Fonti: Institute of HeartMath            

Leggi tutto l'articolo