"Il Deserto dei Tartari" al Puccini

Ieri sera, sono andata a vedere al Teatro Puccini "Il Deserto dei Tartari", tratto dall'omonimo romanzo di Dino Buzzati.
Devo riconoscere che non è affatto facile trasporre un romanzo del genere in testo teatrale, perchè è uno di quei romanzi molto intimista, molto riflessivo, dove non succede assolutamente niente se non lo scorrere inesorabile del tempo.
Il risultato messo in scena non mi ha convinto completamente, nonostante gli attori fossero bravi.
In molte parti lento e un po' noioso, intervallato (o meglio: interrotto) sin troppo spesso da canzoni, che per quanto belle, ti estraneavano dalla storia e ti riportavano alla tua poltrona.
Ciò nonostante sono state ideate scenografie molto suggestive, come la pendola gigante che oscillava continuamente al centro del palco, personaggi interpretati da abiti appesi alle grucce, o da giochi di luci e ombra.
Nel complesso non sono rimasta molto soddisfatta, soprattutto se ripenso alle intense emozioni che mi ha regalato uno dei miei libri preferiti.

Leggi tutto l'articolo