Il Ken italiano: “La chirurgia diventa una dipendenza come le sigarette”

Naso, zigomi, mento, sottomento, labbra, capelli, faccette ai denti e tra poco avrà un appuntamento per farsi un lifting. Angelo Sanzio, noto a tutti come il "Ken umano" italiano, non smette mai di rifarsi e racconta a “Mattino Cinque” la sua ossessione per il ritocco continuo: “Sono consapevole di tutto ciò che faccio, direi che per me la chirurgia estetica è come la sigaretta per un fumatore: sa che il fumo gli fa male, ma nonostante questa consapevolezza, fuma lo stesso”.
Il futuro potrebbe però riservare problemi e Angelo lo sa benissimo: “Questo approccio alla medicina estetica mi porterà probabilmente a un punto di non ritorno”. Ma quando si guarda allo specchio cosa vede? “Io mi riconosco perché comunque nonostante tutti questi interventi ho lasciato il mio brief naturale, non ho sconvolto tutto”.

Leggi tutto l'articolo