Il PD S'ARROCCA MENTRE LE OPPOSIZIONI SI ORGANIZZANO

EMPOLI: CONSIGLIO COMUNALE del 15/11/2012 LA CRISI DEL CASO DELLE TALPE CONTRO TORRIGIANI E DELLA CATTIVA AMMINISTRAZIONE CONTINUERA’! 16/11/2012 Di F.
Allegri TEMI SALIENTI a) L’IDV all’opposizione provoca la svolta alla consiliatura e arriva una compattezza delle opposizioni mai vista prima; b) Il PD è quasi isolato: Tutte le opposizioni di destra e di sinistra (escluso Gaccione dei comunisti italiani) firmano la mozione di sfiducia al sindaco (non era mai successo); c) la crisi del caso delle talpe contro Torrigiani e della cattiva amministrazione continuerà.
d) arriva un nuovo assessore al bilancio Andrea Faraoni (un giovane senza esperienza amministrativa e politica).
e) osservato un minuto di silenzio per le vittime dell’alluvione in Maremma.
f) come si vota una mozione di sfiducia: voto palese o segreto? Cose il voto nominale? ----- Voglio fare una facile previsione.
Saranno 18 mesi duri e difficili per il sindaco Cappelli e per la sua giunta monocolore e minoritaria in città! Saranno duri perché non si vede nessuno sbocco per la crisi economica locale e soprattutto perché tutte le forze politiche cittadine l’additeranno davanti agli elettori ogni giorno e sempre più! Saranno dure anche perché non c’è avversario più difficile di un ex alleato e di più di uno se è vero che anche verdi e SEL sono usciti dalla minoranza prevalente che sostenevano dall’esterno.
Forse saranno durissimi se il popolo dei PUA non avrà le risposte che attende dal nuovo piano regolatore che è ancora in alto mare.
Saranno insostenibile se è vero che la Coop di Via Masini emigrerà nello spazio che era stato previsto per ospitare un grande magazzino PAM e se è vero che le burocrazie legate al PD stanno lavorando alla costruzione di un pirogassificatore al Terrafino.
Detto questo passo a relazione sulla maratona oratoria scatenata dalla mozione di sfiducia.
Il capogruppo del PDL Paolo Baroncelli ha letto nel dettaglio la mozione sottoscritta da 12 dei tredici consiglieri di opposizione (va ricordato che servono la firma dei 2/5 dei consiglieri per presentarla).
La Cappelli e tutti i consiglieri del PD hanno letto discorsi scritti e il suo sembrava scritto in gran parte dalla segretaria del PD Barnini: sappiamo tutti che da un certo punto di vista il PD empolese è diviso tra Bersaniani e Renziani per convenienza mentre dall’altro vige tuttora la distinzione tra pidiessini e margheritari.
La Cappelli ha detto subito che intende andare avanti fino alla scadenza naturale del 2014 e ha negato che le opposizioni [...]

Leggi tutto l'articolo