Il Padre Nostro ammorbidito

Il Padre Nostro ammorbidito (1)
Papa Francesco incontra i giovani al Circo Massimo e risponde alle loro domande. L'inizio è avvolto in un'atmosfera onirica: nei quesiti e nelle repliche domina, specie in relazione alle scelte di vita lavorative e amorose, la parola «sogno». Viene il turno del ventisettenne Dario e il tono muta in modo repentino. Lui un lavoro ce l'ha, è un infermiere dedito alle cure palliative. A guidare le sue domande è il presente, non il futuro. Quando si confronta con la fede in lui i dubbi prevalgono sulle certezze. Dio, gli hanno raccontato, è grande e buono, allora come mai nel mondo ci sono tante ingiustizie e sofferenze? Il suo lavoro lo pone quotidianamente di fronte alla morte e gli fa vedere giovani genitori costretti ad «abbandonare» i loro figli. La Chiesa gli appare chiusa nei suoi rituali e distante.
Il papa dà credito al suo interlocutore di aver messo il dito nella piaga del «perché». Ci sono domande che non trovano risposta, tra esse quella sulla so...

Leggi tutto l'articolo