Il Pd, di centro sinistra o di sinistra!

MA Cè L'intellighenzia di sinistra che spinge il Pd nelle braccia del M5S.Cacciari, Zagrebelsky, Settis e altri: costituzionalisti e politologi non vedono altra via per la salvezza del Pd.
I conti cari signori, come si sa, non si possono fare senza l’oste. E quindi sino al 27 maggio non possiamo ridisegnare anticipatamente la geografia politica italiana che ci sarà. Ma un fatto è indubbio: dopo il 27 maggio, e a prescindere dagli stessi risultati elettorali - che comunque non si discosteranno granché dalle “tendenze” elaborate dai vari sondaggisti - nulla sarà più come prima.
A cominciare dalla necessità, ormai richiesta e gettonata da settori crescenti e diversificati, di ridar vita a una formazione politica che sappia recuperare e ritualizzare la tradizione, il pensiero, la cultura e una politica di “centro”. Ovvero una formazione politica che sappia affrontare la situazione politica che si è venuta a creare dopo il voto del marzo del 2018 e, soprattutto, che sappia battere la radi...

Leggi tutto l'articolo