Il Professore: "Non cambio idea" Non si candida per Palazzo D'Accursio

Svaniscono le speranze all'interno del Pd: Romano Prodi ribadisce il suo no a una candidatura a sindaco di Bologna Non ha intenzione di cambiare idea, e non ne ha dato comunicazione formale ai vertici del Pd perché da loro non è arrivata alcuna richiesta di candidatura per la poltrona che fu di Delbono.
Lo precisa Romano Prodi, tirato in ballo da più parti in questi giorni perché salvi la Bologna del centrosinistra dall'empasse in cui è caduta dopo le dimissioni del sindaco.
E a Vasco Errani, che questa mattina ai microfoni di rai News 24 gli chiedeva "un gesto d'amore per la città, risponde: "Non sto cambiando idea.
Segnali d'amore se ne possono dare in tanti modi.
Non e' una questione  di sacrificio personale".
Il Professore non sembra dunque intenzionato a dare seguito all'appello del presidente della Regione, che confidava in un "gesto d'amore" dell'ex premier nei confronti della sua città.
D'Altra parte questa è stata sempre la sua linea, fin da quando, conosciute le intenzioni di Flavio Delbono di dimettersi, dentro e fuori il partito qualcuno si augurava che Prodi potesse risolvere la situazione.
A Bologna secondo Prodi ''serve uno slancio, serve un salto di lavoro in comune, ma prima di tutto una sosta nell'avvelenamento reciproco, nella tensione cosi' prolungata che e', pero', anche tensione di tutta la societa' italiana, non solo di Bologna''

Leggi tutto l'articolo