Il Violinista folle

                                      Dino Licci- Il violinista folle-acrilico su tela 50 x 70   Il violinista folle...
Tremula l’archetto… E le note impazzite...
Musica e poesia per l’aria fumosa.
La vita?cos’è la vita? “La vita?la vita è amore”grida la grossa puttana e le sue poppe globose traboccano amore e le sue mani paffute giocano il bicchiere e rosso vino di Puglia scorre, arterie di fuoco, fiumi di sesso e pudore.
“la vita? a vita è lotta.”il colonnello in pensione “fiumi,fiumi di sangue sparso nei campi ed onore.” Il violinista folle inarca le reni E le note salgono acute e gravi e meste.
Le pareti della stanza mostrano i segni del tempo e il vecchio professore fissa il soffitto crepato: “la vita?la vita è concetto, è tormentata opinione”.
E le sue mani attrappite ruotano l’un contro l’altra come…argomentazione.  E il violinista folle suda i capelli lustrati e le sue mani nervose corrono il tempo e immagini fantastiche saziano gli spazi… “La vita?la vita è ignoranza ricerca , delusione.”  Il professore di scienze osserva annichilito le immagini evocate E il suo ebbro cervello scaccia  le idee della vita, e le sue mani fluttuano l’aere e dissolvono il fumo, e disperdono il dogma.
E il violinista folle danza la danza della vita e le sue gambe smagrite ruotano in cerchio, girano per la stanza fumosa.
E gira il violinista, e gira la grossa puttana e il professore di scienze e il colonnello in pensione… E tutto gira,gira,gira,gira,gira...
     

Leggi tutto l'articolo