Il bimbo con la lingua che non smette di crescere: operato per poter mangiare e respirare

Lui si chiama Baker Roth, è un bimbo di appena un anno ed è nato con la sindrome di Beckwith-Wiedemann (BWS): una malattia genetica rara, che portava la sua lingua a non smettere mai di crescere. Così i medici, per tornare a farlo sorridere e salvargli la vita, hanno asportato metà della sua lingua con un intervento chirurgico di cui il bimbo aveva urgente bisogno, per evitare che la sua mascella si deformasse e permettergli di mangiare e respirare.
Accade in Oklahoma, negli Stati Uniti: la mamma del piccolo Baker, Farrah Roth, inizialmente pensava che il bimbo facesse le linguacce. «Ho sempre pensato che giocasse a fare le smorfie e che fosse carino, ma in realtà si trattava di macroglossia per via della BWS. Non molti medici hanno familiarità con questo tipo di sindrome», ha detto. «Ora mi spaventa vedere le sue foto di prima, perché non ho mai pensato a quanto fosse grande la sua lingua e alle difficoltà che avrebbe dovuto affrontare».
Nato prematuro di otto settimane con un ces...

Leggi tutto l'articolo