Il caso Gladio

Per oltre un decennio, dopo la caduta del muro di Berlino, una campagna di intossicazione ha strumentalizzato gli episodi di violenza politica, dagli attentati alle stragi, per costruire una falsa storia d'Italia.
La disinformazione militante dei partiti e dei movimenti della sinistra marxista, eredi del comunismo nazionale ed internazionale ha cercato di accreditare la tesi che una unica regia, atlantica e filo occidentale, che avrebbe sovrainteso a tutti gli episodi di strage avvenuti dalla fine della seconda guerra mondiale al termine della "guerra fredda".
Il "Caso Gladio" ha rappresentato la punta massima di questa "operazione" di intossicazione dell'opinione pubblica e i procedimento giudiziari che si sono susseguiti negli anni e che sono terminati con la piena assoluzione degli ufficiali che comandavano questa "Organizzazione Militare Speciale" fissata con la sentenza della II Corte di Assise di Roma il 3 Luglio 2001, sono stati per anni lo strumento principale da cui sono derivati tutti gli altri articolati "attacchi" alla verità.
Molti libri sono stati scritti, una gigantesca campagna stampa e televisiva per anni si è sviluppata per sostenere le tesi di questa falsa storia che ha inquinato in maniera profonda la coscienza degli italiani e minanto alla radice i fondamenti della nostra identità nazionale.
Di fronte alla chiarissima assoluzione un fragoroso e imbarazzato silenzio ha rappresentato la risposta che il mondo della informazione italiano ha saputo dare all'opinione pubblica sul risultato finale di anni di sospetti, e di supposizioni infamanti di alcuni dei più importanti e accreditati uomini politici, opinionisti e uomini di cultura del nostro paese.
Hanno taciuto Scalfari e Bobbio, nessun commento da Ochetto e Cossutta, silenzio assoluto dalle decine di giornalisti che, per più di dieci anni con migliaia di articoli avevano annunciato di volta in volta le sensazionali scoperte e gli orribili segreti che le indagini sulla Gladio avrebbero rivelato.
Cosa era veramente l'Organizzazione Militare Speciale "GLADIO"? Era una "speciale" organizzazione militare segreta anti invasione, il cui addestramento era curato da una particolare sezione dei Servizi Segreti Militari della Repubblica Italiana, erede della famosissima "Sezione Calderini" che durante la Resistenza aveva sovrainteso alle missioni congiunte con gli alleati nel territorio occupato dai tedeschi dal 1943 al 1945.
Dall'epoca della sua fondazione nel 1956 fino alla sua improvvida "rivelazione" e alla campagna mediatica e giudiziaria che la investì [...]

Leggi tutto l'articolo