Il cinguettatore

  Il cinguettatore   Il ministro della guerra, Mefistofele, intervistato venerdì 12 novembre durante una trasmissione che va in onda ogni sera sull'emittente La7, ha pigolato che (la citazione è a memoria): "L'Italia non ha mai goduto, in tutto il mondo, di un prestigio pari a quello di questi mesi.
Il mondo intero ci invidia ed apprezza il nostro governo ed il nostro premier .....".
Cose da non credere! In che Paese vive Mefistofele? Non vive nel Paese dove suo figlio (chissà per quale recondita ragione) è entrato a fare parte del CdA dell'ACI di Milano (naturalmente nessuno deve pensare che quest'operazione si sia svolta sotto la regia della rutilante ministra del turismo)? Non vive nel Paese dove il recente concorso per notai (concorso che vedeva tra i partecipanti anche il figlio) è stato annullato perché risultato .....
truccato? Allora, di quale prestigio va cianciando il ministro? Delle due l'una: o il ministro è un finto tonto, o è un tonto vero! Tutto lascia pensare che sia più realistica la prima ipotesi.
Vorrebbe far credere ai connazionali più ingenui e sprovveduti che l'immagine internazionale di questo Paese sia quella da lui descritta, ma ahinoi, non è affatto così.
Queste favole le può raccontare ai leghisti della padania (i quali, peraltro, non sono assolutamente interessati all'immagine dell'Italia, ma unicamente a quella della padania); le può raccontare ai chi non ha mai messo il naso fuori dal proprio cortile e non ha il minimo sospetto dell'immagine che il mondo intero ha di questo Paese.
A titolo di esempio ecco, qui di seguito, un breve elenco di titoli dei quotidiani stranieri riguardanti l'Italia, il suo governo ed il suo capo.
Ne prenda nota Mefistofele, e ne prendano nota anche i forza-italioti.
Gli articoli si possono leggere anche in italiano, e per questa ragione i leghisti-per-l'indipendenza- -dall'-intelligenza devono, al più presto, imparare l'idioma nazionale! - Le ultime battute (Birgit Schönau, Die Zeit, Germania); - La commedia deve finire (The Economist, Gran Bretagna); - La terza via di Gianfranco Fini (Philippe Ridet, Le Monde, Francia); - Solo promesse dal 1992 (Financial Times, Gran Bretagna); - La rabbia dei cattolici (Anne Le Nir, La Croix, Francia); - Gli italiani lo conoscono (The Daily Telegraph, Gran Bretagna); - I monumenti minacciati dalla politica (Oliver Meiler, Tages Anzeiger, CH); - Lo scenario peggiore (Bernard Guetta, France Inter, Francia); Questi articoli sono soltanto una piccola collezione di quello che la stampa straniera scrive sull'Italia.
Si [...]

Leggi tutto l'articolo