Il concerto “La Terra dei Ciclopi”. Un’alleanza di blocchi artistici

di Antonino Contiliano
“La Terra dei Ciclopi”. Un campo di forze artistiche in cui si intrecciano la musica, la fotografia artistica, la video-arte, la poesia e la recita attoriale. Un concerto. Un concerto come modalità espressiva che consente alla “terra” dei Ciclopi – una quasi-ripresa ciclica del pensiero di G. B. Vico sui primi abitatori della terra come “bestioni” dell’indistinto (un sentire-pensare cioè che non separa le due sfere; ciò che non pensa, infatti, abita il pensare anche quando le linee sembrano spezzarsi) – di esprimersi nelle varie forme territorializzanti e deterritorializzanti delle attività estetiche trascinate dalla musica del piano-jazz di Sade Mangiaracina (pianista e compositrice).
“La Terra dei Ciclopi”. Una modalità di pensiero musicale che dispiega l’insieme senso-estetico che lo abita prima ancora che le sue astrazioni e stazioni simboliche prendano il volo per farsi immagini in movimento e ri-tornello oscillante – “‘nnavanti e ‘nnarrè” – di ritmi che fan...

Leggi tutto l'articolo