"Il corpo del reato"

 "Il corpo del reato" è un romanzo di due autori, Jon Jefferson e Bill Bass, che si firmano con il nome di Jefferson Bass, protagonista della storia è l’ormai conosciuto antropologo forense Bill Brockton che dovrà indagare sul ritrovamento di un cadavere di una donna ed evitare di divenire lui stesso vittima dell’assassino.
Una sfida mortale per l’antropologo forense sempre alla ricerca di nuovi misteri da svelare.
I due autori di questo romanzo edito dalla casa editrice Nord nel 2010, raccontano la storia della vera "fabbrica dei corpi" già nota grazie all’autrice Patricia Cornwell, infatti, il dottor Bill Bass è l’ideatore della fabbrica in questione che studia come il corpo dopo la morte, reagisca agli agenti esterni, aiutando così l’operato della polizia e delle agenzie governative.
Jefferson invece è un divulgatore scientifico che nel romanzo tratta la parte narrativa.
Protagonista della storia è Bill Brockton immischiato in un caso che ha visto la fidanzata morire per ritorsione nei propri confronti, ma l’assassino, Garland Hamilton, ex medico legale, è riuscito ad evadere e sarà lui stesso che impegnerà ancora una volta, (il romanzo è il terzo della serie), l’antropologo in un’indagine serrata.
Sullo sfondo una scoperta ancora più truce che attinge da un fatto di cronaca americana, durante un sopralluogo Brockton si imbatterà in un crematorio a cielo aperto, una serie di indagini parallele saranno portate avanti dal temerario protagonista che sotto lo scetticismo di alcuni colleghi, porterà alla luce fatti davvero inquietanti...
Brockton è convinto che la scienza sia una delle armi più potenti per giungere alla verità.
Riuscirà a sfuggire a un uomo che come unico obiettivo ha quello di ucciderlo? E riuscirà al limite della propria resistenza fisica a non soccombere agli eventi? I corpi, dopo la morte, possono parlare? Bill Brockton risponderebbe di sì, e tra le pagine fitte di studi scientifici, anche il lettore troverà una risposta.

Leggi tutto l'articolo