Il culto degli zar in Etiopia

Un culto di possessione molto interessante per i suoi aspetti teatrali era il culto degli zar praticato in Etiopia e studiato da Michel Le iris, durante la spedizione Dakar-Gibuti, nel 1934.
Gli zar erano spiriti o entità mitiche ritenute responsabili di alcune malattie che erano diagnosticate da specialisti, chiamati bala-ganda. Questi, in un secondo tempo, avevano il compito di stabilire quale zar era responsabile di tale malattia e di insegnare al paziente ad eseguire in modo corretto il gurri per guarire.
Il gurri, segno di vera possessione da parte degli zar, era spesso presentato come un segno di gioia espresso dallo spirito possessore tramite il malato. Caratterizzato da una serie di movimenti violenti, tipici della trance, nei quali erano riprodotti miti e leggende, il gurri era eseguito durante le cerimonie.
La possessione da parte di zar era ritenuta ereditaria ed era considerato naturale che, dopo la morte del posseduto, una parte dei suoi spiriti fosse trasmessa a un fam...

Leggi tutto l'articolo