Il danno da demansionamento correttamente ritenuto immanente (o“in re ipsa”) per lesione del bene immateriale della dignità um

Il danno da demansionamento correttamente ritenuto immanente (o“in re ipsa”) per lesione del bene immateriale della dignità umana e della personalità morale del lavoratore, tutelate a livello costituzionale ed ordinario
 
 Sommario:
1.    L’ultimo orientamento giudiziario (Trib. Treviso 13 ottobre 2000 e Cass. sez. lav. 6 novembre 2000, n. 14443)
2.    Le certezze raggiunte in dottrina ed in giurisprudenza sul danno da demansionamento
3.    Considerazioni sull’affermazione (operata da Cass. n. 14443 del 2000) di un presunto onere  probatorio della lesione alla c.d. professionalità oggettiva
4.    Le condizioni di  risarcibilità del danno biologico e del danno morale
 
********
 
1.                 L’ultimo orientamento giudiziario (Trib. Treviso 13 ottobre 2000 e Cass. sez. lav. 6 novembre 2000, n. 14443)
In un nostro precedente articolo sul tema della reintegrazione (sia nel posto di lavoro che nelle pregresse mansioni o in altre equivalenti) osservavamo come l’impresa tenda, di norma...

Leggi tutto l'articolo