Il dolore di Candida, la gioia di Erica

Quando è caduto l'ultimo pallone delle sfida tra la Pieralisi Pan e Calcinelli-Lucrezia erano le 21.
In quelle due ore e mezzo di partita c'è stato tutto, gioia, sofferenza, paura, dolore, rabbia, agonismo e grande giocate.
Alla fine ero esausto anche io, scosso da quella girandola di emozioni; me ne sarei volentieri andato a casa.
Difficile parlare della partita di sabato senza cominciare dall'infortunio di Candida Viscito, che nel bene e nel male ha condizionato la gara di Marcelloni & co.Se chiudo gli occhi ho ancora lì davanti le immagini della sua caduta e le sue urla di dolore, per il ginocchio che ha ceduto.
Oggi la schiacciatrice campana dovrebbe aver fatto gli esami per capire la gravità del suo infortunio ma dalle facce di coach Luciano e degli altri nel dopo partita, la cosa non pare affatto leggera.
Spero in un errore di valutazione, perché la Pieralisi ha bisogno di Candida ed il match di sabato lo ha dimostrato.Le prilline non hanno replicato la splendida prestazione d...

Leggi tutto l'articolo