Il dottore sale in cattedra

Valentino stravince in Olanda dopo una spettacolare rimonta delle sue!Pochi alla vigilia l'avrebbero detto ma, chi segue il dottor Rossi gara dopo gara, sa benissimo che è capace di tutto.
E Valentino ha dato oggi in Olanda, sul circuito di Assen, il meglio di sè.
Una prova di straordinaria forza, di carattere, sicurezza che gli ha permesso di risalire dall' undicesima posizione fino alla testa della corsa e di trionfare lasciandosi dietro tutti, compreso il gioiellino australiano Casey Stoner che ha tagliato il traguardo in seconda posizione a due secondi da Valentino.
Cuore e determinazione per dimostrare a tutti e soprattutto a chi lo dava per finito, che è ancora lui il re del motociclismo mondiale, il più forte anche con una moto che fa le bizze, l'uomo da battere, insomma, il fenomeno che noi tutti conosciamo.
Con la prova magistrale di oggi, il numero 46, ha voluto rassicurare i propri tifosi e dimostrare a sè stesso che è ancora capace di vincere dando spettacolo e lasciando tutti col fiato sospeso fino allo sventolare della bandiera a scacchi.
Il dottor Rossi non aveva affatto brillato nelle prove, infatti, la sua undicesima posizione sulla griglia di partenza non lasciava presagire nulla di buono, con uno Stoner e una Ducati piazzati molto più avanti e pronti a fuggire via allo start.
Ma Valentino, quello che siamo abituati e vedere e non quello delle ultime gare che quasi non riconoscevamo più - tanto non siamo abituati a vederlo così indietro - dopo appena un giro era già in nona posizione.
Da lì è partita la rimonta, spettacolare, incredibile, stupenda, fatta di staccate da paura e derapate al limite del possibile. Un sorpasso dopo l'altro Valentino si è ritrovato faccia a faccia col talento proveniente dalla terra dei canguri, si è messo dietro di lui e ad ogni curva si faceva vedere negli specchietti dell'avversario, come a volerlo spaventare.
Fino a quando, a quattro giri dal termine, il fenomeno Rossi si è stancato di giocare e ha salutato tutti andandosi a prendere una vittoria che mancava a lui e a noi suoi tifosi che siamo abituati a vederlo lì sul gradino più alto del podio.
Una vittoria meravigliosa e meritata, combattuta con le unghie e con i denti ma soprattutto col cuore.
Al terzo posto, dietro i due protagonisti dell'entusiasmante duello per la vittoria finale, a completare il podio, l'americano Hyeden.
Dopo la gara, durante la conferenza stampa, il sette volte campione del mondo ha dichiarato di non sapere che cosa aspettarsi da questa gara prima che iniziasse ma, che  [...]

Leggi tutto l'articolo