Il femminismo sta portando gli italiani all'estinzione

Per secoli eravamo convinti che tra uomo e donna esistesse una differenza sostanziale: l'uomo padrone della vita sociale e la donna padrona della sfera privata e familiare. Le donne non avevano la stessa voce in capitolo degli uomini, è vero, ma perlomeno garantivano il futuro alla nostra nazione, partorendo ed educando i figli.
Poi è arrivato il movimento femminista degli anni Settanta e il termine differenze è stato soppiantato dal termine parità ed uguaglianza. E con la leva della parità, l'ideologia femminista, imposta dai media nelle menti degli italiani con una martellante campagna propagandistica, ha preso il potere ed è diventato pensiero unico.
Oggi una donna in carriera, che vive la sessualità come un maschio, che si catapulta anima e corpo nel lavoro e che progetta di fare un figlio in tarda età o, addirittura, di non farlo proprio, per non avere palle al piede per le sue ambizioni professionali, dice di non essere femminista, ma solo pari o uguale negli stessi diritti del...

Leggi tutto l'articolo