Il genio della truffa

Il genio della truffa
Indietro
Il giudizio
In sintesi....
Nicholas Cage interpreta un abile truffatore tormentato dalla sua disonestà al punto da soffrire di vari disturbi ossessivi, per lo più legati alla paura di stare all'aperto ed all'ossessione per la pulizia. A guarire il suo stato psicofisico arriva una figlia che non sapeva di avere avuto -il suo matrimonio era fallito anni prima-, la qual cosa ha però la spiacevole conseguenza di distruggere la sua vita "lavorativa". Al solito ometto il finale, a dire il vero abbastanza inaspettato.
Nicholas Cage e Sam Rockwell -il suo socio nella storia- danno buona prova di sè, in particolar modo il primo, che riesce a far vivere allo spettatore il disagio che può provare chi è perseguitato da manie e tic di ogni genere, senza per questo far percepire questo status come un handicap o come un omtivo per far apparire una persona "diversa".
Il film ha un ritmo abbastanza incalzante anche se non forsennato, non manca l'azione ma viene lasciato m...

Leggi tutto l'articolo