Il genoma e la Trinità

  "L'essere umano porta nel proprio ''genoma'' la traccia profonda della Trinita', di Dio-amore.” (Papa Benedetto 16° prima dell'Angelus del  domenica 07 giugno 2009 recitato in piazza  San Pietro, nel giorno che la Chiesa cattolica dedica al dogma della Santissima Trinità) Clicca qui per verificare ed approfondire…   Bene! Adesso sì che il dogma è svelato! Adesso è tutto chiaro! Ma sì!...Sua Santità potrebbe essere un pochino più chiaro? Io povero individuo della massa, io pecora sperduta del gregge che cosa posso capire di fronte a cotanta rivelazione “genetica”? Eppure conosco “un pò” la genetica! Eppure da tempo sono convinto che siamo figli delle Stelle! Ma tutto il resto…Si potrebbe esplicitare? No? Perché? Non sapete nulla? Ergo tacete! Sapete? Ergo… Gradirei una risposta illuminante e definitiva in merito.
Alternativa?...Mi sto stufando! Ci state stufando! Perché? La storia delle religioni è intrisa di ambigue “verità”.
Le varie sette si adornano di misteri.
Fanno capire per non fare capire nulla.
L’umanità adesso può sapere la propria vera storia, ma ancora religioni varie, massonerie ed esoterici vari, ecc., tutti sepolcri imbiancati, che parlano con simbolismi, allegorie e parabole, non dicono nulla di fatto, un po’ per paura e un po’ per un millantato privilegio.
Non sapete nulla? Ergo tacete! Sapete? Ergo dite! Il Papa della religione cattolica parla in modo apparentemente nuovo ma non dice nulla di chiaro! Anche i capi di altre religioni si “aprono” dietro simbolismi e figure allegoriche oscure.
Dite tutto quello che sapete! Oppure tacete e per sempre! Non create ancora ulteriori insicurezze instillando oscure novità ammantate di verità.
Non mi parlate d’amore se veramente volete la salvezza dello spirito di tutti, ma poi, di fatto, vi nascondete dietro allegorie, parabole oscure e frasi ambigue! Non venite a dirci che l’umanità non è pronta.
L’umanità non è poi così tanto stupida.
Smettetela di essere più o meno consapevolmente di comodo ai soliti quattro potenti di turno che vogliono raggiungere soltanto uno scopo! Perpetuare se stessi e la loro stirpe generando proprio incertezza e confusione.
Basta! I capi religiosi abbiano il coraggio di svelare tutto.
Non siamo gregge e se tale fossimo, loro, come buoni pastori, ci dovrebbero guidare con la parola della “verità chiara” e non con nuove oscure frasi d’antica memoria.
Cui prodest? Non sapete nulla? Ergo tacete! Quello che invece voi sapete, la massa può saperlo pure; o non lo dite [...]

Leggi tutto l'articolo