Il grande Alberto

15 giugno 1920 - Nasce uno dei più grandi attori italiani: ALBERTO SORDI.
pubblicata da ΔCCΔDDE ΘGGI...
il giorno martedì 15 giugno 2010 alle ore 5.45 « È stato l'attore più grande ma è soprattutto stato uno straordinario autore, l'artefice del suo personaggio con cui ha attraversato più di 50 anni di storia italiana.
Da regista dico che era straordinariamente facile lavorare con Sordi proprio perché era un grandissimo; bastavano poche occhiate e ci si capiva sul tono da dare alla sua interpretazione e quindi al film.
È stato un comico capace di contraddire tutte le regole del comico » (Mario Monicelli in occasione della morte di Alberto Sordi).
(Roma, 15 giugno 1920 – Roma, 25 febbraio 2003) popolare attore, regista, cantante e doppiatore italiano.
Fu uno dei "mostri" della commedia all'italiana nonché, insieme ad Aldo Fabrizi, rappresentante della romanità.
Si è cimentato anche in ruoli drammatici dove ha dato prova della sua versatilità di attore.
Nacque nel quartiere popolare di Trastevere.Già nelle scuole elementari iniziò a improvvisare piccole recite con un teatrino di marionette per un pubblico di suoi coetanei, oltre a cantare come soprano nel coro di voci bianche della Cappella Sistina diretto da don Lorenzo Perosi.
Nel 1936 incise un disco di fiabe per bambini per conto della casa discografica Fonit e con il ricavato partì per Milano, dove si iscrisse al corso di recitazione all'Accademia dei Filodrammatici.
nel 1937 trovò lavoro come comparsa a Cinecittà (appare nel film kolossal Scipione l'Africano in un ruolo da generico di un soldato romano e in Giarabub, di Goffredo Alessandrini, in cui interpreta la parte di uno dei soldati a presidio dell'oasi) e vinse un concorso indetto dalla Metro Goldwyn Mayer per doppiare la voce di Oliver Hardy (inizialmente doppiava con lo pseudonimo Albert Odisor, insieme a Carlo Cassola e, successivamente, a Mauro Zambuto che prestava la voce a Stan Laurel) e poi ci fu tanto teatro di rivista.
È alla radio, durante la stagione 1947-1948, che comincia ad ottenere un grande successo personale con le trasmissioni di Corrado che lo lancia attraverso Rosso e Nero (1947), Oplà (1947) e Vi parla Alberto Sordi (1948)-(1950), dove crea alcuni personaggi destinati alla grande popolarità: il Signor Dice in collaborazione con Fiorenzo Fiorentini, il Conte Claro e Mario Pio.
Nel cinema per oltre dieci anni interpreta ruoli minuscoli e poco significativi in una ventina di film.
Tra il 1952 e il 1955 la popolarità di Sordi esplose sul grande schermo, dapprima con due [...]

Leggi tutto l'articolo