Il maiale salvato dal macello diventa pittore di fama mondiale

I maiali sono animali molto più intelligenti di quello che crediamo: lo hanno capito le moltissime persone nel mondo che ne tengono uno in casa come animale da compagnia e se qualcuno ancora non se ne fosse reso conto, basta dare uno sguardo alle opere d’arte firmate da Pigcasso.
Il nome non è ovviamente casuale: Pigcasso, una maialina da 450 kg di arte e simpatia, è diventata in breve tempo una celebrità grazie ai suoi quadri astratti, che vengono battuti a più di 1000 dollari al pezzo e che sono stati esposti anche in una mostra dal titolo evocativo, OINK.
A spiegare al mondo il successo di Pigcasso ci pensa la sua padroncina, Joanne Lefson, che nel 2016 l’ha salvata dallo stabilimento industriale nel quale doveva essere macellata e l’ha portata in un ricovero per animali, la Farm Sanctuary SA, a Cape Town, in Sudafrica.
Joanne sa che i maiali sono animali molto intelligenti (guardate questo maialino che fa surf) e per farli giocare fornisce loro diversi materiali, fra cui pennelli: ha subito notato che a Pigcasso piaceva particolarmente e da lì a farla provare a dipingere il passo è stato breve.
Visualizza questo post su Instagram PIGMENTED! Its a beautiful morning to be painting ! Look out for the finishing touches to ‘DUCK’- OINK! Un post condiviso da Pigcasso (@pigcassohoghero) in data: Feb 27, 2019 at 11:55 PST Il lavoro di Pigcasso, che viene svolto con colori acrilici e atossici e firmato in ogni pezzo con l’impronta del muso, è esposto in una galleria permanente in fattoria ed ha iniziato a circolare in tutto il mondo: nel 2018 è stata il primo animale ad avere una mostra pittorica interamente dedicata al The Waterfront di Cape Town.
Dalla mostra OINK è arrivato il primo importantissimo ingaggio per Pigcasso: Swatch, il famoso marchio svizzero di orologi, ha commissionato alla maialina una linea di orologi per celebrare l’anno cinese del maiale.
Tutti i soldi guadagnati da Pigcasso vengono utilizzati per sostenere le attività della fattoria.
Joanne, che del Farm Sanctuary SA è fondatrice e lavora per sensibilizzare l’opinione pubblica su quelle che chiama “atrocità delle pratiche agricole negli stabilimenti industriali”, ha dichiarato: “Sono molto orgogliosa di Pigcasso: dal mattatoio all’industria del design, è solo un altro motivo per vedere i maiali come le “dive” creative ed intelligenti che sono, per mangiare meno bacon e fare più shopping!”

Leggi tutto l'articolo