Il mare di Livorno

Mi piacerebbe tanto poter raccontare di aver veduto,anche solo intravisto una splendida farfallina di mare come questa..ma purtroppo nel mare adiacente le coste Livornesi,è praticamente impossibile avere questo tipo di incontri ,comunque immergendosi da queste parti,si possono avere altre mille e più soddisfazioni.
Il corallo per esempio è fonte di grande orgoglio ed equilibrio marino,come gli anemoni, che stanno ripopolando i fondali anche bassi e la superba posidonia che delicatamente ondeggia mostrando il suo verde intenzo Le spugne sempre molto colorate,i tunicati aggrappati agli scogli alcuni di colore rosso vivo,blu pavone ,giallo altri trasparenti come piccoli contenitori di vita pulsante,belli delicate come e più di un fiore gorgonie eunicella,simili a rami che si protendono verso la corrente subacquea che assicurerà loro nutrimento la fauna marina invece è in questo periodo abbastanza ridotta,serranidi,castagnole , qualche aragostella scorfani nudibranchi  timidi che paiono infreddoliti sì, perchè oggi 20 marzo mi è sembrato che la predominante eccentrica sia stata per me la bassa temperatura dell'acqua, e anche se come al solito ero iper-prevenuta,non è stato sufficente a potermi rilassare completamente in acqua! pazienza ho pensato ed insieme a Stefano e Ricarda abbiamo perlustrato quel mare che conosciamo molto bene,ma che ogni volta ci regala un'emozione diversa,una gioia diversa...ci siamo diretti oltre l'ancora "parcheggiata" verso la costa e non abbiamo voluto dirigersi verso profondità più impegnative..non oggi abbiamo pensato quasi all'unisono e così ci siamo goduti piano piano quelle rocce ricche di vita,intrufolandoci con le nostre torce nei mille anfratti che da golosi curiosoni ci potrebbero riservare sorprese gradite...
Coralli rosso fuoco,immense micro-praterie di questo animale così affascinante così appetibile che fino a qualche anno fà era ridotto ai minimi termini ,ma che adesso stà continuando la sua rigogliosa ascesa.....ancora uno sguardo ad una sabella Spallanzani che decide di non pavoneggiare la sua ricca corona e poi decidiamo di risalire,il fresso è davvero molto intenso quasi a creare disagio..in risalita centinaia di castagnole,il pesce più  presente  durante questo tipo di immersioni..
mi soffermo ancora un minuto,non abbiamo credo nessuno di noi tre da fare decompressione siamo stati davvero alti,ma anche se nella mosrsa del gelo volgo ancora il mio sguardo verso il fondo.altri sub stanno risalendo una nuvola di milioni di bolle mi avvolge,mi pizzica il volto e [...]

Leggi tutto l'articolo