Il miele di Valeria

"Va beh che è estate e fa caldo, ma se mettevi una gonna un po' più corta potevi direttamente girare solo in maglietta e mutandine.." ride Martino, sollevando l'orlo della mini cortissima, arriva dove le cosce diventano quasi anche sul corpo di Valeria."Scemo, così ora tutti sanno di colore sono", Valeria abbassa la gonna a coprire ancora a malapena lo slippino e tutto il piccolo gruppo di amici scoppia in una risata.Anche lei, Franca, che di solito fa pure fatica a nascondere la gelosia e la piccola invidia che ha del corpo e del successo indiscutibile di Valeria, ride.
Come tutti, anche Andrea, il suo ragazzo.A Franca poco va giù Valeria che si appoggia assai spesso ai maschi del loro piccolo gruppo, lui compreso, che sembra a volte strusciarsi contro tutti e anche con Andrea come una gatta.
I seni di Valeria, che sono più alti, forse più piccoli ma più duri e sfrontati dei suoi, anche quando, come spesso succede, Valeria non indossa reggiseno sotto la camicetta o la maglietta stretta.E loro stanno alti, rivoltati verso l'alto, coi capezzoli che sembrano quasi bandierine sulla vetta."Con ‘sto caldo girerei nuda, altro che gonna e gonna, ma come fate a resistere voi maschi con scarpe chiuse e calze?" e nel dirlo Valeria è ora di fianco ad Andrea, seduto con gli amici intorno al tavolino, al bar della spiaggia.Arriva il ragazzo che lavora al bancone e serve una bottiglia di Vermentino ben brinato, pare sudare il vetro della bottiglia nella giornata troppo calda.
Posa la bottiglia e i sei bicchieri, tutti vicini e Martino comincia a servire lui, facendo traslocare brina e freddo dalla bottiglia ai sei bicchieri, mano mano che li riempie.Poi li porge.Valeria è in piedi appoggiata alla sedia di Andrea, l'anca contro la sua spalla.
Andrea cinge quel fianco con il braccio e Valeria non si sposta.
Martino li guarda sorridendo.Franca un po' meno, volta lo sguardo, non vuol fare trasparire il fastidio che prova a vedere Valeria strusciarsi, accomodandosi meglio, sotto il braccio di Andrea.
Anche perché sono arrivate altre due coppie di amici, sono in piedi, intorno a loro seduti, e nello scambio di battute che intercorre coi nuovi venuti lei riesce quasi perfettemante a dissimulare la sua stizza.Andrea sposta il braccio, la stringe e la tira un po' per gioco e porta Valeria a cadergli letteralmente sulle gambe, seduta su di lui.Le gambe di Valeria così si allargano inevitabilmente sedendosi di colpo, e la gonna corta le risale del tutto sulle cosce.
Posa col solco del culo a cavallo del ginocchio di Andrea.
La schiena [...]

Leggi tutto l'articolo