Il migliore dei mondi possibili se...

...non fosse per la contemporanea presenza del peggiore degli uomini possibili, di cui conviene spogliarsi subito.
Diretti deiscendenti di quelle scimmie, cosa inconfutabilmente vera stante l'attuale miserrimo suo grado di evoluzione che, a tutt'oggi, non sa' neppure perchè parla e, nonostante ciò, dice di essere l'*uomo che sa tutto*.
Lol !! Non rimane quindi che ritornasene ai *Grandi libri*, che, come nell'arte quando non sia era ancora ridotta a sola *reclame*, restano ancora quel *velo che rivela*.
*Grandi libri* dove nella povertà dei mezzi (significante) è possibile rintracciare la coerenza e la logica profonda di quei detti (significato).
Il linguaggio si fa' quindi necessariamente allusivo.
L'allusione scaturisce appunto dalla consapevolezza dell'incapacità di esaurire quanto si vuole comunicare, e dal fatto che l'oggetto della comunicazione non può essere racchiuso in una breve enunciazione.
Il linguaggio allusivo è una povertà che contiene, velata, una ricchezza.
Leggere il Vangelo è una continua decifrazione.
               

Leggi tutto l'articolo