Il mio utero si è laureato

Avete presente le occasioni importanti, quelle in cui uno vorrebbe essere tutto tranquillo, profumato e perfetto, e guai se svolazza anche solo una mosca nella stanza?
Diciamolo, ci sono eventi peggiori di Madre Natura che ti ricorda di poter procreare, specie se lo fa quando è Natale, oppure è il tuo compleanno. E tra questi rientra il farlo quando ti devi laureare. E non è che ci si possa raccontare  "Va beh, andrà meglio le prossime volte" perché al massimo ne hai un'altra e poi la storia finisce lì.
Eppure, non è così terribile.
È ottobre, stranamente fa ancora caldo, immagini di non doverti vestire pesante, di poter uscire fuori, tirare un gridolino in mezzo alla strada, saltare un po' come i canguri dimenticandoti che gli abiti che indossi non sono stati ideati esattamente per quello. La settimana è tutto un soleggiare, poi arriva il fatidico giorno e acqua a catinelle. Siccome ti laurei al mattino, ovviamente piove praticamente solo al mattino, logico.
Ma c'è di peggio.
Le ci...

Leggi tutto l'articolo