Il misterioso caso dell'uomo tigre: Naoto Date

Dal Giappone con furore, ecco ritornato l'Uomo Tigre.
Si proprio lui, Naoto Date.
E' così che si firma il misterioso benefattore che ha lasciato pacchi, contenenti cartelle per la scuola, giocattoli, cibo e persino denaro davanti a orfanotrofi e centri di aiuto all'infanzia.
Tutto è iniziato lo scorso 25 dicembre, quando a Maebashi, città della prefettura di Gunma, a nord di Tokyo, davanti alla porta di un centro per la tutela dei minori sono stati ritrovati dieci pacchi contenti cartelle per la scuola elementare, accompagnati da una lettera firmata da Naoto Date e con la preghiera di far pervenire il materiale scolastico ai bambini.
Questo fatto ha però ispirato altri "benefattori" che si sono dati da fare in diverse parti del Giappone.
Ad Atsugi, nella prefettura di Kanagawa, sono state consegnate borse rosse contenenti svariati giocattoli, a Nagasaki una donna, che è subito fuggita, ha lasciato davanti al centro di supporto per bambini disabili alcuni pacchi contenenti zainetti, così come ha fatto un uomo giunto in moto all'orfanotrofio della città di Nanjo, sull'isola di Okinawa.
Le donazioni segnalate sono più di 90 e c'è stato anche il caso di un supermercato della prefettura di Iwate che ha ricevuto circa 100.000 yen (900 euro) in una busta con una lettera che diceva: "Ci sono Tigerman in tutto il Giappone.
Si prega di utilizzare questi soldi per i nostri bambini più promettenti".

Leggi tutto l'articolo